• White LinkedIn Icon
  • Bianco Google+ Icon
  • White Instagram Icon

-  2017 e-lawyers. All rights reserved  - 

Il diritto all’oblio ha assunto negli ultimi tempi numerose definizioni e significati. Esso può essere inteso come il diritto da parte di un individuo ad essere dimenticato, o meglio, a non essere più ricordato per fatti che in passato furono oggetto di cronaca. Il suo presupposto è che l’interesse pubblico alla conoscenza di un fatto è racchiuso in uno spazio temporale necessario ad informare la collettività, e che con il trascorrere del tempo, si affievolisce fino a scomparire.

Tale diritto ha trovato una sua piena regolamentazione giuridica in ambito comunitario con il nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali 2016/679. Nel testo del Regolamento il diritto all’oblio è recepito dall’art. 17 dove viene sancito che l'interessato ha il diritto di ottenere dal titolare del trattamento la cancellazione dei dati personali che lo riguardano 

senza ingiustificato ritardo e il titolare del trattamento ha l'obbligo di cancellare senza ingiustificato ritardo i dati personali, se sussiste uno dei motivi seguenti:

  1. i dati non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti o altrimenti trattati;

  2. l’interessato ritira il consenso su cui si basa il trattamento e non sussiste altro motivo legittimo per trattare i dati;

  3. l'interessato si oppone al trattamento dei dati personali e non sussiste alcun motivo legittimo prevalente per procedere al trattamento;

  4. i dati sono stati trattati illecitamente;

  5. i dati devono essere cancellati per adempiere un obbligo legale previsto dal diritto dell'Unione o degli Stati membri cui è soggetto il titolare del trattamento;

  6. i dati sono stati raccolti relativamente all’offerta di servizi della società dell’informazione.

 

Inoltre sempre l’art. 17 chiarisce che il titolare del trattamento, se ha reso pubblici dati personali ed è obbligato a cancellarli, tenendo conto della tecnologia disponibile e dei costi di attuazione prende le misure ragionevoli, anche tecniche, per informare i responsabili del trattamento che stanno trattando i dati della richiesta dell’interessato di cancellare qualsiasi link, copia o riproduzione dei suoi dati personali.

Il diritto all’oblio si colloca, quindi, nel quadro dei diritti della personalità come una particolare forma di garanzia connaturata al diritto alla riservatezza e si distingue dal diritto all’identità personale che può essere definito come l’interesse di ogni persona a non vedere travisato o alterato all’esterno il proprio patrimonio intellettuale, politico, sociale, religioso, professionale, a causa dell’attribuzione di idee, opinioni, o comportamenti differenti da quelli che l’interessato ritenga propri e abbia manifestato nella vita di relazione.

e-lawyers con il suo Team di specialisti, fornisce ai clienti soluzioni per la gestione dei dati personali in internet e delle informazioni ad esso collegate, predisponendo soluzioni tecnico-giuridiche atte a cancellare notizie dalle rete oppure rimuovere contenuti inopportuni da web, come foto, informazioni profili e notizie.

 

I servizi e-lawyers:

  • Predisposizione di richieste di rimozione all’amministratore del sito internet;

  • Predisposizione di adeguate tecniche di deindicizzazione da motori di ricerca, social network, blog ecc.;

  • Attivazione di procedure di rimozione prevista in motori di ricerca (google, bing, yahoo ecc.);

  • Procedimenti amministrativi dinanzi al Garante;

  • Procedure d’urgenza ex art. 700 c.p.c. dinanzi al Tribunale competente;

  • Analisi di procedure di risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale in tema di violazione dei dati personali.

Richiedi maggiori informazioni sui servizi e-lawyers